it Italian
af Afrikaanssq Albanianam Amharicar Arabichy Armenianaz Azerbaijanieu Basquebe Belarusianbn Bengalibs Bosnianbg Bulgarianca Catalanceb Cebuanony Chichewazh-CN Chinese (Simplified)zh-TW Chinese (Traditional)co Corsicanhr Croatiancs Czechda Danishnl Dutchen Englisheo Esperantoet Estoniantl Filipinofi Finnishfr Frenchfy Frisiangl Galicianka Georgiande Germanel Greekgu Gujaratiht Haitian Creoleha Hausahaw Hawaiianiw Hebrewhi Hindihmn Hmonghu Hungarianis Icelandicig Igboid Indonesianga Irishit Italianja Japanesejw Javanesekn Kannadakk Kazakhkm Khmerko Koreanku Kurdish (Kurmanji)ky Kyrgyzlo Laola Latinlv Latvianlt Lithuanianlb Luxembourgishmk Macedonianmg Malagasyms Malayml Malayalammt Maltesemi Maorimr Marathimn Mongolianmy Myanmar (Burmese)ne Nepalino Norwegianps Pashtofa Persianpl Polishpt Portuguesepa Punjabiro Romanianru Russiansm Samoangd Scottish Gaelicsr Serbianst Sesothosn Shonasd Sindhisi Sinhalask Slovaksl Slovenianso Somalies Spanishsu Sudanesesw Swahilisv Swedishtg Tajikta Tamilte Teluguth Thaitr Turkishuk Ukrainianur Urduuz Uzbekvi Vietnamesecy Welshxh Xhosayi Yiddishyo Yorubazu Zulu
menu

Programmare gli ordini in tempo

Vorrei un attimo richiamare la vostra attenzione su un problema molto comune. Mi rivolgo specialmente ai nuovi arrivati.

Ricevo spesso delle richieste da parte di utenti, che pur conoscendo i tempi, già diverse settimane prima dalla data di arrivo prevista della protesi mi cominciano a chiedere notizie in merito. Spesso mi dicono che sono disperati perché hanno una sola protesi ormai datata e sono al capolinea.

E la peggiore domanda che mi si possa fare è proprio “sai quando arriverà la mia protesi?”.
Come faccio a saperlo? La factory non è in grado di fare previsioni su quando saranno completate le protesi in produzione, spesso non mi comunica neppure l’elenco di quelle che mi ha mandato nel pacco appena spedito e poi la dogana potrebbe tenersi il plico per settimane.

Quando il pacco arriva in dogana, i tempi per il rilascio del Nulla Osta Sanitario e relativo sdoganamento sono molto lunghi (anche oltre i 15 giorni).
Per questo per gli ordini veloci come tempistica consideriamo circa 2 mesi dalla chiusura dell’ordine congiunto e 3 mesi per gli ordini normali. Proprio perché dobbiamo calcolare anche questo periodo “morto”, che aggiunto a quello necessario alla factory per ottenere il certificato sanitario (certificato di fumigazione) richiesto poi dalla dogana italiana, arriva ad essere di circa un mese in totale !
Tutto ciò ovviamente perché importiamo le protesi in modo regolare come prevede la legge…

Appena poi le protesi mi arrivano le spedisco se possibile in giornata stessa e vi informo tramite email o messaggio privato, comunicandovi anche il numero della raccomandata.

Ma una cosa è certa, conoscendo questi tempi piuttosto lunghi è necessario pianificare gli ordini con un certo margine di anticipo.

Il consiglio che abbiamo sempre dato noi “anziani” del forum, sulla base della nostra ultradecennale esperienza, è quello di avere sempre nel cassetto 2 o 3 protesi perfette di riserva.
Le protesi conservate anche per diversi mesi non si deteriorano e il capello non perde bellezza. Non dovete preoccuparvi di questo, ma piuttosto che in qualunque momento con un movimento brusco durante una manutenzione il lace della vostra unica protesi si potrebbe strappare o la pellicola bucarsi.

Aggiungete pure una certa dose di sfortuna che potrebbe capitare a monte, cioè che la protesi che attendete con ansia da mesi arrivi con qualche parametro sbagliato o che durante la lavorazione l’operaio abbia strappato o bucato il lace e sia costretto a ricominciare tutto di nuovo con conseguente inevitabile ritardo nella consegna.
Infatti in media circa un 5% o 10% delle protesi ordinate ogni mese non arrivano entro i tempi programmati proprio perché è stata danneggiata durante la lavorazione o non è riuscita complessivamente bene.
E non vi dico quando devo comunicare questa notizia all’utente sfxxxto in questione. Cerco di essere sempre preciso e puntuale e questi contrattempi che esulano dalla mia volontà e dal mio controllo mi fanno imbestialire…

Allora vi invito a tenere conto di tutte queste variabili che possono arrecarvi problemi.
Evitate di chiedermi di sollecitare la factory a completare al più presto la vostra protesi, perché le cose fatte di fretta riescono male e poi potreste ritrovarvi con i nodi scoloriti male o con sbagli ben più gravi.

Cercate di avere sempre delle ottime protesi di riserva. Quando poi vi arriva quella nuova mettetela al posto di una di queste e usate una di quelle ricevute precedentemente.
Questo vi tutelerà anche nel caso in cui vi arrivi una protesi con qualche difetto, che potrà essere rispedita in factory senza alcun problema.

Infatti vi ricordo che se la vostra è una protesi standard, come previsto all’art.12/B del Regolamento, potete restituirla e farla rifare gratuitamente anche solo se non vi piace. Cosa questa che nessun rivenditore normale si sognerebbe mai di proporre ai propri clienti….
Ma se non avete ricambi e necessitate a tutti i costi della nuova protesi che attendete sarete poi costretti a metterla per come vi arriva. Bella o brutta che sia.

Riguardo ai nuovi che fanno il primo ordine spesso sorge un dubbio atroce. Prendere una sola protesi perché ancora non si è sicuri della scelta dei parametri o prenderne più di una per averne subito qualcuna di riserva ?
Io consiglio la seconda ipotesi per un motivo molto semplice.
In genere il parametro più difficile da indovinare con il primo ordine è solo la densità, ma questa si può comunque aumentare o diminuire anche dopo diversi mesi. Ciò vale sia per le protesi in lace che quelle in pellicola, con un unico limite per queste ultime che è solo quello di non poter diminuire la densità.
Quindi, ricapitolando, nelle protesi in lace si può aumentare o diminuire la densità a piacimento quando si vuole. In quelle in pellicola si può poi solo aumentare.

Concludendo, valutate bene tutto quanto sopra detto e programmate i vostri ordini abbondantemente in tempo. Perché qualche inconveniente o ritardo può essere sempre in agguato.